Prova a reagire alle ultime grane legate alle candidature (Caiata e Tasso), Luigi Di Maio. E lo fa puntando sulla squadra di governo dei Cinquestelle. E sulle prospettive del dopo voto. Aprendo a un confronto con tutte le forze politiche. “Se la sera delle elezioni, noi saremo primo partito, ma non ci saranno numeri per governare da soli – dice da Lucia Annunziata, ospite insieme ad Alessandro Di Battista – “faremo un appello a tutti i gruppi dicendo: ‘Noi di voi non ci fidiamo, ma facciamo un confronto e firmiamo un contratto con un programma di lavoro con un timing entro cui approvare i punti del programma e avviamo la XVIII legislatura”.

Per il resto, Di Maio esclude qualsiasi ipotesi di governo con la sinistra. Quanto al rapporto con la Lega, dice: “La distanza politica dalla Lega è cresciuta? Io non mi fido di nessuno e spero che gli italiani impediscano al centrodestra di Berlusconi di raggiungere un risultato notevole. Io tra l’altro sono un cittadino della Provincia di Napoli e non è che Salvini togliendo la parola Nord può cancellare parole come ‘Vesuvio lavali col fuoco’”. Di Maio poi insiste sul ruolo della squadra, costruita pensando anche alle valutazioni del Colle.

“Questa sarà la settimana in cui il Movimento presenterà la sua proposta di ministri al presidente della Repubblica. Lo facciamo prima per spiegare agli italiani su quale patrimonio dovrebbe investire lo Stato”, dice. E rende pubblico il primo dei nomi della squadra: “Io vengo dalla Terra de Fuochi e credo che il ministero dell’Ambiente sia un ministero centrale” e per questo ruolo “la nostra proposta è il generale dei carabinieri Sergio Costa, un uomo dello Stato che si è distino nella lotta ai crimini ambientali”. Costa, comandante della Regione Campania dei Carabinieri forestali – laureato in Scienze Agrarie, master in Diritto dell’Ambiente e specializzato in investigazioni ambientali – si è distinto in operazioni di contrasto alle ecomafie e al clan dei Casalesi.

{ 0 commenti }

ella notte Nikola Jokic ha fatto registrare una tripla doppia nella vittoria dei suoi Nuggets contro i Milwuakee Bucks. Nulla di straordinario per il centro serbo, non nuovo a questo tipo di prodezze. Quello che è impressionante è però il tempo di gioco che Jokic ha impiegato per raggiungerla.

E stiamo parlando di un record NBA: Jokic ha infatti avuto bisogno solo di 16 minuti sul parquet per segnare 16 punti, prendere 12 rimbalzi e distribuire ai compagni 12 assist, rendendo questa tripla doppia la più veloce nella storia della NBA. Il record precedente apparteneva a Jim Tucker, che nel lontano 1955 aveva fatto registrare una tripla doppia in soli 17 minuti di gioco, come riportato da Justin Phan di Fantasy Lab.

{ 0 commenti }

Testo

di admin il 18 settembre 2017

10 donne nella

10 donne nella








{ 0 commenti }

Skin

di OneCool il 11 gennaio 2014

Title

Si chiude la partita con le penalizzazioni sulla pensione anticipata. L’articolo 1, comma 194 della legge 232/2016 cancella definitivamente il sistema di decurtazioni sulla pensione anticipata per chi non ha raggiunto il 62° anno di età. Lo precisa l’Inps nelle schede pubblicate ieri sulle novità in arrivo nel 2017. Per comprendere di cosa si sta parlando bisogna fare un passo indietro. Per scoraggiare l’accesso alla pensione anticipata ai lavoratori che non avevano compiuto il 62° anno di età, la Riforma Fornero del 2011 aveva, infatti, introdotto un sistema di disincentivi che colpivano l’importo della rendita previdenziale.
La penalizzazione consisteva nel taglio dell’1-2% delle quote retributive della pensione per ciascun anno di anticipo rispetto al 62° anno di età per i lavoratori che ricadevano nel sistema misto (cioè erano in possesso di contribuzione alla data del 31 dicembre 1995) e che raggiungevano il requisito contributivo necessario per il pensionamento anticipato (42 anni e 10 mesi gli uomini e 41 anni e 10 mesi le donne) a seguito della Riforma Fornero, cioè dopo la metà del 2013. Dopo una serie di interventi normativi avvenuti tra il 2013 ed il 2015 la legge 232/2016 cancella la penalizzazione anche nei confronti di coloro che maturano il requisito contributivo per la pensione anticipata dopo il 31.12.2017 gli unici che, a legislazione previgente, avrebbero subito la suddetta riduzione.

comma 194 della legge 232/2016 cancella definitivamente il sistema di decurtazioni sulla pensione anticipata per chi non ha raggiunto il 62° anno di età. Lo precisa l’Inps nelle schede pubblicate ieri sulle novità in arrivo nel 2017. Per comprendere di cosa si sta parlando bisogna fare un passo indietro. Per scoraggiare l’accesso alla pensione anticipata ai lavoratori che non avevano compiuto il 62° anno di età, la Riforma Fornero del 2011 aveva, infatti, introdotto un sistema di disincentivi che colpivano l’importo della rendita previdenziale.
La penalizzazione consisteva nel taglio dell’1-2% delle quote retributive della pensione per ciascun anno di anticipo rispetto al 62° anno di età per i lavoratori che ricadevano nel sistema misto (cioè erano in possesso di contribuzione alla data del 31 dicembre 1995) e che raggiungevano il requisito contributivo necessario per il pensionamento anticipato (42 anni e 10 mesi gli uomini e 41 anni e 10 mesi le donne) a seguito della Riforma Fornero, cioè dopo la metà del 2013. Dopo una serie di interventi normativi avvenuti tra il 2013 ed il 2015 la legge 232/2016 cancella la penalizzazione anche nei confronti di coloro che maturano il requisito contributivo per la pensione anticipata dopo il 31.12.2017 gli unici che, a legislazione previgente, avrebbero subito la suddetta riduzione.

comma 194 della legge 232/2016 cancella definitivamente il sistema di decurtazioni sulla pensione anticipata per chi non ha raggiunto il 62° anno di età. Lo precisa l’Inps nelle schede pubblicate ieri sulle novità in arrivo nel 2017. Per comprendere di cosa si sta parlando bisogna fare un passo indietro. Per scoraggiare l’accesso alla pensione anticipata ai lavoratori che non avevano compiuto il 62° anno di età, la Riforma Fornero del 2011 aveva, infatti, introdotto un sistema di disincentivi che colpivano l’importo della rendita previdenziale.
La penalizzazione consisteva nel taglio dell’1-2% delle quote retributive della pensione per ciascun anno di anticipo rispetto al 62° anno di età per i lavoratori che ricadevano nel sistema misto (cioè erano in possesso di contribuzione alla data del 31 dicembre 1995) e che raggiungevano il requisito contributivo necessario per il pensionamento anticipato (42 anni e 10 mesi gli uomini e 41 anni e 10 mesi le donne) a seguito della Riforma Fornero, cioè dopo la metà del 2013. Dopo una serie di interventi normativi avvenuti tra il 2013 ed il 2015 la legge 232/2016 cancella la penalizzazione anche nei confronti di coloro che maturano il requisito contributivo per la pensione anticipata dopo il 31.12.2017 gli unici che, a legislazione previgente, avrebbero subito la suddetta riduzione.

Leggi Tutto: http://www.pensionioggi.it/notizie/previdenza/pensione-anticipata-stop-definitivo-alla-penalizzazione-anche-dopo-il-2017-89789789#ixzz4ru7b8gwM


Prof Tracey Rogers , un biologo marino presso l’Università del New South Wales , ha elogiato la squadra di evacuazione in elicottero che ha fatto cinque voli separati per traghettare i membri AAE dal Shokalskiy filamento di un eliporto di fortuna vicino ai Australis Aurora .






{ 0 commenti }

Native In-Feed

2 gennaio 2014

Chris Gossage , partner di Russells Solicitors , è stato emesso anche con un rimprovero scritto del regolamento dell’Autorità Solicitors ( SRA ) . Confidava nel migliore amica di sua moglie che la Rowling aveva scritto the cucko’s calling sotto uno pseudonimo . E ‘stato poi pubblicamente rivelato da The Times Domenica nel luglio dello […]

Leggi tutto

Video OutStream

23 dicembre 2013

Più di 15.000 persone sono già presso il complesso delle Nazioni Unite a Bor Un funzionario delle Nazioni Unite in Sud Sudan ha parlato di un clima di paura e di disperazione come la violenza si intensifica . Umanitario Coordinatore Toby Lanzer ha detto alla BBC su esecuzioni sommarie a Bor , nello stato resti […]

Leggi tutto

Video Preroll con repositioning

17 dicembre 2013

Angela Merkel ( a destra) con il ministro della Difesa designato Ursula von der Leyen al Bundestag , Berlino, 17 dicembre Ci sono voluti quasi tre mesi di trattative per assemblare il nuovo governo Angela Merkel è stato confermato come cancelliere tedesco per un terzo mandato , a capo di una grande coalizione , da […]

Leggi tutto

Mobile Interstitial

6 dicembre 2013

Primo presidente nero del Sudafrica e icona anti-apartheid Nelson Mandela è morto all’età di 95 . Mandela ha portato transizione del Sudafrica dal dominio bianco – minoranza nel 1990 , dopo 27 anni di carcere per le sue attività politiche . Egli aveva ricevuto cure mediche intensive a casa per una infezione polmonare dopo aver […]

Leggi tutto

violentissima tempesta colpisce Scozia e Regno Unito

5 dicembre 2013

Un camionista è morto dopo che il suo veicolo è stato spazzato sulla cima di due auto a West Lothian da forti venti che hanno spazzato tutta la Scozia . i Trasporti della  Scozia hanno detto alla gente di evitare di viaggiare sulle strade e della rete ferroviaria ha arrestato tutti i servizi ferroviari . […]

Leggi tutto